Crea sito
Chi siamo Come organizzare un viaggio spendendo poco Kit del viaggiatore
Newsletter Firma il nostro Guestbook Il nostro sito gemello

Viaggi fatti e documentati

Fuerteventura (Canarie)
Lanzarote (Canarie)
USA: Parchi dell'ovest MauritiusCapo VerdeAtene
Santorini (Grecia)
Ios (Grecia)
Naxos (Grecia)
Ecuador
Galapagos
SeychellesYucatan (Messico)Giravaru (Maldive)Bodu Huraa (Maldive)

Un'altra grande passione:
LA LETTURA



Home page


ECUADOR E GALAPAGOS
- SITI GEOFISICI -



Le nostre foto alle Galapagos                            Le nostre foto in Ecuador


SITI GEOFISICI PER CONTROLLARE L’ATTIVITÀ DEI VULCANI
I vulcani  sono una delle principali attrattive dell’Ecuador e una delle mete più amate dagli appassionati di trekking. Sulla cosiddetta “Via dei vulcani” (Cordigliera delle Ande) si trova il numero più elevato di vulcani attivi del mondo ed è proprio per questo motivo che non c’è una rete ferroviaria che copra tutto il paese (è stata distrutta dalle eruzioni).
Il vulcano più alto è il Chimborazo: 6310 metri! E ha un primato: la sua vetta è il punto più lontano dal centro della Terra. Il secondo vulcano più alto dell’Ecuador è il Cotopaxi, la cui vetta e' perennemente incappucciata di neve: il suo cratere ghiacciato è ben visibile da chilometri di distanza. Ma l’Ecuador è pieno di vulcani spenti e ancora attivi, anzi attivissimi. Per questo, prima di partire per il vostro tour, può essere utile dare un’occhiata ai report sulle attività sismiche ed eruttive dei vulcani che alcuni istituti di geofisica mettono on line. In particolare io ho consultato il sito dell’Istituto Geofisico dell’Ecuador e dell’Università del North Dakota.
Prima di partire infatti il Tungurahua (luglio 2006) aveva eruttato e c’era il rischio che riaccadesse. Questo vulcano si trovava lungo il nostro percorso e aveva distrutto la strada che portava a Baños, località in cui volevamo soggiornare. Non ero preoccupata del fatto che eruttasse di nuovo, dato che i locali sono abituati a questi fenomeni - quindi hanno istituti preposti al controllo che danno l’allarme con anticipo - ma c’era il rischio che le strade fossero bloccate e avremmo dovuto cambiare il nostro itinerario.
Una volta arrivati in Ecuador il Tungurahua è stato decisamente magnanimo: si è limitato a fumare un po’ regalandoci uno spettacolo inaspettato della potenza della natura e abbiamo dovuto fare solo una piccolissima deviazione perché non avevano ancora finito di ripristinare un pezzetto di strada.






INDICE Ecuador e Galapagos:

TORNA A Ecuador e Galapagos

Come spendere poco

In quale periodo andare (clima)

La durata ideale del viaggio

Come organizzare il viaggio
Guida


Volo internazionale e tassa di uscita

Crociera Galapagos e voli interni

Isole Galapagos

Siti geofisici

Lingue parlate
Moneta
Telefonate e Internet Point


Donne e omosessuali

Vaccini e farmaci

Cosa portare

Alberghi (bagni)

Ristoranti e cibo

Sicurezza e furti

Mezzi di trasporto locali

Escursioni in loco
Mercati e shopping


Costo del viaggio

Il nostro tour (con la cartina)

Versione integrale del diario di viaggio in Ecuador e Galapagos