Crea sito

BIMBI IN VIAGGIO
Chi siamo Come organizzare un viaggio spendendo poco Kit del viaggiatore
Newsletter Firma il nostro Guestbook Il blog

Viaggi fatti e documentati

Sri Lanka, Thailandia, Formentera, Ibiza e altri bellissimi viaggi

Fuerteventura (Canarie)
Lanzarote (Canarie)
USA: Parchi dell'ovest Mauritius Capo VerdeAtene
Santorini (Grecia)
Ios (Grecia)
Naxos (Grecia)
Ecuador
Galàpagos
Seychelles Yucatan (Messico) Giravaru (Maldive) Bodu Huraa (Maldive)

Un'altra grande passione:
LA LETTURA



Home page


ATENE
SANTORINI
IOS
NAXOS
(26 aprile - 5 maggio 2007)



Arriverà presto!
Lo sto scrivendo ;-)

Nel frattempo potete leggere qui sotto le nostre impressioni generali.


Siamo partiti senza avere un’idea precisa delle isole che avremmo visitato. L’unica certezza era che volevamo vedere Atene e la caldera di Santorini. Le altre gite le abbiamo decise in loco ascoltando i consigli dei locali e quelli della nostra guida. E seguendo i desideri e gli impulsi del momento.
Da non perdere le specialità culinarie greche: lo yogurt e la feta sono buonissimi (assolutamente da provare!). I prodotti greci che si comprano in Italia non hanno lo stesso sapore di quelli che si trovano lì.
Perchè abbiamo deciso di intraprendere questo viaggio?
Da anni volevo vedere le famosissime isole greche e l’acropoli di Atene. Meravigliose le prime, un po’ deludente la seconda. Ecco le mie sensazioni.

L’acropoli come ho detto è stata, sotto certi aspetti, un po’ deludente. Da lontano l’impatto è straordinario: sia perché essendo collocata su un promontorio la si osserva sempre dal basso, e questo rende i suoi templi ancora più maestosi, sia perché dall’esterno sembra che il Partenone e gli altri edifici siano quasi integri. In realtà da vicino ci si accorge che non sono così ben conservati. Molte colonne sono crollate, gli edifici sono circondati da impalcature o strutture di sostegno, e un’orda di turisti invade tutta l’Acropoli (nonostante la bassa stagione).
Siete mai stati a Paestum in Campania o nella Valle dei Templi di Agrigento o in qualsiasi altro sito archeologico siciliano (greco ma anche romano)? Sarà che io amo profondamente la Sicilia (odori, sapori, colori,…) ma trovo che le sue bellezze naturali e il suo patrimonio artistico non abbiano nulla da invidiare ad Atene. Anzi! Per fare un solo esempio i templi greci che si trovano ad Agrigento sono meglio conservati di quelli dell’Acropoli ateniese, in lontananza si vede il mare (e non una città brulicante e chiassosa come Atene), e il sito archeologico in bassa stagione è meno affollato. Ciò non depone a favore del turismo siciliano ma al visitatore regala una pace e una tranquillità invidiabili durante la visita.

Le isole Greche in bassa stagione sono un vero incanto. Ovunque pace e silenzio, mare incantevole, spiagge stupende e deserte che assomigliano molto a quelle della nostra Sardegna (col pregio, però, che gli hotel greci costano mooolto meno).
I tramonti sulla caldera di Santorini sono uno degli spettacoli più suggestivi che la natura possa offrire: è un luogo singolare, unico nel suo genere, ed estremamente romantico. Ci ha davvero sorpresi e conquistati. Vi consigliamo l’albergo con vista sulla caldera (secondo noi è un must) e la passeggiata lungo la costa fino a Ia.



Sei appena tornato dalla Grecia? Vuoi contribuire ad aiutare altri viaggiatori? Puoi indicarci eventuali modifiche, suggerimenti e aggiornamenti che inseriremo in questa guida. Scrivici.